Escursioni Per Famiglie

 

Sentiero dei Todeschi (sentiero SAT 206) 

Bellissimo giro ad anello, con partenza e ritorno al rifugio, passando dal lago. Si raggiunge il fronte del ghiacciaio dove si possono osservare i suoi mutamenti, scattare qualche bella foto ricordo. Per facile sentiero si ritorna alla base, durata circa 2 ore. 

Passo dei Pozzi.

Variante che permette di raggiungere l’auto senza ripercorrere lo stesso sentiero di salita. Si raggiunge il Passo dei Pozzi che nonostante raggiunga “solo” i 2600 mt. di quota offre una spettacolare vista verso il Bernina e le cime del Vioz. Salendo tra stelle alpine, con un pò di fortuna si possono vedere i camosci, gli stambecchi e magari anche l’aquila reale. Scendendo dal versante nord si percorre una mulattiera austriaca della Prima Guerra Mondiale che riporta al Forte Pozzi Alti.

TRAVERSATE IMPEGNATIVE

Al Rifugio Mandron “Città di Trento”

Dal rifugio si segue il sentiero n. 206 che risale le morene e quindi si percorre un breve tratto della Vedretta della Presanella fino a poco prima del passo Cercen (3022m.); da qui si cala nel sottostante circo dell’alta Val Cercen fino alla malga Cercen alta (2267 m.) Da qui ha inizio il sentiero “Migotti” (n.220): aggirando i contrafforti meridionali di Cima Busazza si entra in Val Zigola e Val Ronchina fino a incontrare il sentiero n. 212 che sale dal Rifugio Bedole fino al Rifugio Mandron.

Durata: 6,30h

Tipologia: Percorso Alpinistico

Al Rifugio Val d’Amola “Giovanni Segantini”

Dal rifugio ci si porta sulla morena terminale della Vedretta della Presanella, si scende sul ghiacciaio risalendo verso sinistra e puntando all’intaglio fra la base della cresta nord-est e la Cima d’Amola. Superato il crepaccio terminale e rimontato il ripido pendio che sale al valico, si scende nel circo d’Amola, da qui si ridiscende la Vedretta d’Amola (completamente coperta di detriti), fino ad alcuni laghetti e quindi si giunge in breve al rifugio.

Durata: 4,30h

Difficoltà: Percorso Alpinistico

Al Bivacco Roberti in Val Nardis

Si segue l’itinerario normale di salita alla Cima Presanella fino alla Sella di Freshfield (3375 m.); si abbandona la traccia che porta alla vetta e si cala sulla Vedretta Centrale di Nardis fino a raggiungere la base della Cresta Payer. Da qui si percorre la sottostante morena di sinistra fino all’ex Rifugio Presanella.

Durata: 5,30h

Difficoltà: Percorso Alpinistico